I consigli degli esperti
Alimentazione e qualita' della vita

Ormai quello dell'alimentazione è un campo fortemente inflazionato, ovunque assistiamo al fiorire di diete e teorie dietologiche che spesso si basano su principi per nulla fondati scientificamente, frutto di studi fantasiosi ed argomentazioni approssimative. Il fatto è che il cibo, cardine di ogni nostro processo fisiologico, è qualcosa di molto serio, da curare con attenzione ma che si presta sicuramente, essendo comune e necessario a tutti, a diventare un business, motivo per il quale è necessario imparare a mangiare ed, ancor prima, ad acquistare oculatamente ciò di cui abbiamo bisogno.

E' assodato che il cibo non abbia solo una valenza energetica ma anche “protettiva” nei confronti dei processi degenerativi delle cellule e “riparatrice” dei tessuti danneggiati ed è proprio per queste sue caratteristiche che dobbiamo far attenzione a quello che mangiamo e, soprattutto, dobbiamo variare il più possibile la nostra dieta perché ogni alimento ha caratteristiche diverse e tutti sono utili per raggiungere il nostro scopo, ovvero aiutare il corpo a rimanere in forma smagliante. La cultura alimentare, nel senso di “progetto educativo” dovrebbe partire, già da piccoli, con un supporto scolastico per la famiglia. Oggi i nostri bambini sono “ bombardati “ letteralmente su svariati fronti : televisione, internet, giornalini, cinema, diventando, già in così tenera età, una schiera di grandi consumatori che pretendono tutto ciò che li renderà “trendy” agli occhi dei compagni, dall'ultimo paio di scarpe scintillanti, al più nuovo e spettacolare gioco interattivo…

La cosa più grave è che la moda sta sconfinando anche nell'ambito alimentare, e sempre di più i piccoli chiedono questa o quell'altra merendina, il gelato azzurro, patatine grondanti grassi, bibite dolci e gassate, piatti già pronti elaboratissimimi, pubblicizzati dai loro Supereroi e, quindi, fortemente appetibili... ...finiti i tempi del pane e pomodoro o della torta della nonna a merenda…

Un particolare capitolo va, infatti, dedicato ai dolci di cui i bambini (e non solo…) sono particolarmente ghiotti. Lo zucchero bianco è da anni bersaglio di critiche feroci e sempre più tiepide riabilitazioni. Partendo dal presupposto che nessun alimento vada demonizzato, è doveroso però sottolineare che, sia lo zucchero bianco come il più modaiolo zucchero di canna, sono alimenti esclusivamente dolcificanti e calorici ma non forniscono nessun principio nutritivo che serva davvero (i cosiddetti cibi a calorie vuote).

Un dolcificante alternativo che, oltre ad essere buono, ha anche caratteristiche nutrizionali eccellenti è il miele . Il miele, ricco di fruttosio (lo zucchero presente nella frutta) è l'unica sostanza dolcificante “fatta“, così come la compriamo, dalla natura (piante ed api) e l'unica manipolazione che subisce è il confezionamento, quindi, se pensiamo a tutte le fasi della preparazione dello zucchero partendo dall'estrazione dalla canna o dalla barbabietola, al conseguente raffinamento eccetera, intuiamo senz'altro che il miele è davvero una miniera di nutrimento tutto naturale. Ovviamente il miele e' ottimo da usare crudo su una bella fetta di pane (ed insieme ad una tazza di latte fresco e un frutto costituisce una colazione principesca) ma provate a sostituirlo allo zucchero nei dolci e rimarrete stupiti dal risultato, se poi al posto del burro userete l'olio d'oliva, avrete preparato un dolce gustoso, ricco, energetico e davvero salutare. Infatti l'olio d'oliva ha la caratteristica di modificarsi davvero poco in cottura e lasciare intatte tante delle qualita' che lo rendono da sempre il grasso più sano della nostra dieta mediterranea. Sia crudo, quindi, che cotto il nostro buon olio è da preferirsi a tutti gli altri condimenti e con i suoi acidi grassi monoinsaturi contribuisce a proteggere dai processi ossidativi che danneggiano le cellule del nostro corpo.

Anche dal punto di vista conservativo, l'olio, è uno dei nostri più fedeli alleati, infatti, isola perfettamente alimenti inscatolati che avrebbero bisogno di grandi quantità di composti chimici artificiali per non deteriorarsi, diventando così immangiabili e potenzialmente pericolosi.

Ma la caratteristica più importante, quella che dovrebbe spronarci ad inserire giuste quantità di olio (soprattutto extravergine ) nei nostri piatti, è senz'altro quella di aiutarci a tenere alta la frazione di colesterolo buono (HDL) nel nostro sangue. L'olio infatti contiene fitosteroli, particolari grassi vegetali con un forte potere ipo-colesterolemizzante tali da limitare la formazione di placche ateromatosiche causa di infarto, ictus, embolie eccetera. Un altro ruolo fondamentale nella nostra alimentazione lo giocano le vitamine . Esse sono presenti in tutti i cibi sia provenienti dal regno animale che da quello vegetale, sono definite “alimenti protettivi”, infatti contribuiscono all'eliminazione dei cosiddetti “radicali liberi”principali imputati nel processo di invecchiamento cellulare. Importantissimi anche i Sali minerali e gli oligoelementi , piccole particelle di cui ci servono pochi grammi (addirittura microgrammi) al giorno ma senza i quali non sarebbe possibile alcun attività metabolica.

Anch'essi presenti in natura in verdure frutta, carni, pesce, latte, uova e cereali . Certo, anche pasta, riso ed i meno comuni farro, avena, orzo, sono eccezionali miniere di nutrimento. Demonizzati nelle ultime diete iperproteiche perché considerati alimenti ipercalorici e, quindi, ingrassanti, continuano ad essere il cardine di una dieta bilanciata capace di fornire energia di pronto uso per tutte le nostre attività fisiche e mentali…l'importante è, badate bene, la quantità. In definitiva una dieta “buona “ è una dieta bilanciata, che non esclude alcun alimento ma che dà ad ognuno di essi il giusto posto nella giusta quantità. La regola unica e incancellabile da nessuna moda o fantasia dietetica può forse concentrarsi in un paio di semplici parole: VARIETA'e GENUINITA'. Per completare il nostro discorso, infine, è doveroso sottolineare l'importanza dell'attività fisica e del movimento. Tutti, chi più chi meno, siamo ormai costretti a fare una vita troppo poco attiva : lunghi spostamenti in automobile e code interminabili, lavoro sedentario, scuola e… divano!

Se vogliamo dare una mano al nostro corpo dobbiamo stimolarlo muovendoci un pò. E' infatti con il movimento che si innescano in modo davvero efficace tutti i nostri processi metabolici, si bruciano le calorie eccedenti, si rafforzano i muscoli, si respira meglio ed il nostro cervello produce sostanze in grado di migliorare il nostro umore … anche dopo una giornata “storta “!

Bene, è proprio arrivata l'ora di rivoluzionare un po' la nostra vita, di riprendere in mano quel regime alimentare mediterraneo che tutto il mondo ci invidia e cerca di imitare, ricco di cereali ( possibilmente integrali o poco raffinati ), frutta verdura e legumi, carni magre, pesce, uova e buoni condimenti come l'olio di oliva, e, dal momento che non abbiamo più tempo per preparare con cura pasti sani per noi e per la nostra famiglia, dovremo cercare alleati esperti ed affidabili che producano prodotti di ottima qualità.

Impareremo a leggere le etichette nutrizionali per poter comprare gli alimenti più genuini ( senza conservanti, coloranti ed aromi chimici ), magari affidandoci a ditte serie e conosciute con le quali si possa stabilire un contatto tangibile e non virtuale.

Tania Pistarino
Dietista
Dott. Davide Berio
Chirurgo Psicoterapeuta

© 2019 Alimenta di Roberto e Riccardo Martini & C. S.n.c. | P.I. 01000970085 | Tel: 0183.29.17.20
Rispettiamo la vostra privacy - Lavora con noi
Sviluppo web: WebSystems